Ventole per forni industriali: Ecco come puoi RADDOPPIARE il tempo di funzionamento senza guasti di un ventilatore di ricircolo in un forno per alluminio, grazie all’aggiunta di un semplice albero.

Da | ottobre 13, 2017

ventole per forni industriali come dimezzare fermi
Le ventole per forni industriali – soprattutto nel caso di trattamenti termici dei metalli – hanno il preciso scopo di muovere l’aria all’interno della camera, garantendo una distribuzione uniforme della temperatura.

Come sicuramente saprai, un riscaldo uniforme di tutto il materiale metallico è fondamentale.

Garantisce infatti che le caratteristiche meccaniche, dopo il trattamento termico, siano all’interno delle tolleranze previste dalle diverse norme.

Nei forni per trattamento termico più comuni, è di solito presente una grande quantità di metallo da trattare.

Se qualcosa va storto durante questa lavorazione – a causa di un riscaldo NON omogeneo o di un fermo improvviso del forno – il costo per la rilavorazione, o peggio ancora per il rigetto del materiale, può essere pari a qualche centinaia di migliaia di euro.

Ecco perché oltre a garantire la giusta portata di aria, le ventole per forni industriali devono anche essere progettate – e quindi costruite – per poter funzionare a lungo ad elevate temperature, SENZA andare incontro a guasti improvvisi che possono bloccare in qualsiasi momento il trattamento termico.

Ma purtroppo – in base a quello che vedo girando per varie aziende – molti costruttori di ventole per forni industriali se ne fregano di assicurarti un’alta affidabilità dei loro ventilatori.
Ti fanno un prezzaccio quando devi acquistare, così vantaggioso che NON puoi rifiutarlo.

Peccato che poi – quasi certamente – spendi ogni anno un patrimonio in manutenzione e ricambi, come è successo ad un mio cliente specializzato nella lavorazione dell’alluminio.

Ecco come delle ventole per forni industriali progettate con i piedi possono mettere a serio rischio la tua produzione – a causa di frequenti guasti improvvisi – e causarti danni superiori ai 100.000 €.

Ti riporto il caso reale di un’azienda mia cliente, uno dei più grandi produttori di profilati in alluminio.
Di chi si tratti è poco importante per quello che ho da dirti, quindi userò dei nomi di fantasia mentre ti racconto questa storia.

Tutto è iniziato ormai più di 10 anni fa. Verso la fine di luglio, nel 2006.

Antonio, responsabile dei servizi tecnici della ProfiliLucenti SpA, mi telefona per avere un mio parere tecnico e cercare di risolvere un fastidioso problema che lo sta tormentando.

In azienda hanno una ventina di ventole per forni industriali, installate su due impianti di omogeneizzazione dell’alluminio. (un particolare trattamento termico che viene effettuato su questo materiale)

Perfettibile, questi ventilatori si rompono in continuazione. Non riusciamo a starci dietro e ogni due per tre siamo costretti a bloccare il forno per fare manutenzione ad una ventola.

E poi prosegue.

Ogni forno contiene più di 20 tonnellate di alluminio. Se si rovina a causa di un trattamento termico non corretto, la direzione mi lancia fulmini e saette per tutti i soldi bruciati. Devo trovare una soluzione.

Poiché la ProfiliLucenti non è molto distante dal mio ufficio, propongo un sopralluogo da loro per scoprire quale sia il vero problema dietro a quei continui guasti.

Arrivato in azienda da Antonio, dopo una rapida occhiata ai ventilatori installati sui due forni industriali, il motivo dei frequenti guasti mi appare chiaro come l’acqua di sorgente.

Chi aveva costruito quei ventilatori per forni industriali, ha scelto una soluzione sicuramente economica da vendere, ma tipica dei peggiori cantinari per quanto riguarda l’affidabilità delle ventole stesse.

Esiste (purtroppo) questo mito intorno ai costruttori di macchinari tedeschi, che sembrano essere sempre i migliori ed i più seri.

Forse per altri tipi di impianti può essere così. Ma per quanto riguarda i forni industriali, posso affermare con certezza che diverse società italiane sono di un livello superiore ai loro concorrenti Germanici.

Lo stesso vale per le ventole per forni industriali.

Fatto salvo uno o due nomi molto conosciuti – e che reputo dei modelli da seguire – il resto della concorrenza tedesca è decisamente da evitare come la peste, se ti interessa avere degli impianti in grado di produrre al massimo SENZA continui guasti.

Alla ProfiliLucenti purtroppo erano stati installati proprio dei ventilatori per forni industriali di questa seconda categoria.

Pensati per costare poco, più che per durare a lungo.

La peggiore soluzione costruttiva per un ventilatore per alte temperature, è  quella che prevede di montare la girante direttamente sull’albero del motore elettrico.

Perché è una cattiva scelta?

Come puoi immaginare, il calore tende a muoversi dall’interno del forno – attraverso la girante e l’albero – verso l’esterno.

Lungo questo cammino, se la ventola è montata direttamente sul motore elettrico, ad un certo punto questo flusso di calore incontra i cuscinetti ed il groviglio di avvolgimenti elettrici che mette in rotazione l’albero del motore.

I cuscinetti rischiano quindi – senza uno “scudo” che li protegge – di ricevere un’ondata di calore, aumentando notevolmente la loro temperatura, fino a giungere alla rottura.

Tieni presente che secondo uno studio condotto dalla SKF, leader mondiale nella costruzione dei cuscinetti, il 36% delle rotture premature di questi componenti è dovuto proprio a condizioni di funzionamento non corrette, come forti vibrazioni o elevate temperature del cuscinetto stesso.

I costruttori di ventole per forni industriali realizzate in questo modo, se ne fregano dei problemi e dei costi di manutenzione esagerati che tu sei obbligato a pagare.

A loro interessa solo vendere.

Ti rifilano così dei ventilatori con la ventola direttamente montata sul motore elettrico, attirandoti con lo specchietto del prezzo stracciato.

Questo è uno dei 5 trucchi sleali di cui parlo nel mio libro Forni da INCUBO. (lo trovi su Amazon cliccando qui. )

In realtà quello che risparmi all’inizio, lo ripaghi – con interessi da usuraio – negli anni a seguire.

Dopo il mio sopralluogo, Antonio mi ha inviato due di quelle ventole per forni industriali che gli avevano rifilato.

Li vedi in questa fotografia di repertorio.

ventole per forni industriali a basso prezzo
Lo vedi quel catorcio di sinistra?

Ecco, ora hai una chiara idea di come si può ridurre un ventilatore quando è stato progettato badando solo a ridurre i costi.

Ora vorrei porti una domanda.

Se non hai dei ventilatori per forni industriali installati nella tua azienda, prova a metterti nei panni del mio cliente Antonio prima di rispondermi.

Quanto ti costa sostituire – una volta all’anno – tutti i motori elettrici dei ventilatori installati sul forno?

Non ti limitare a contare il puro costo del motore.

Aggiungi le ore di lavoro, la mancata produzione ed eventuali danni che la rottura della ventola può causare al tuo forno.
ventole per forni industriali progettate coi piedi
Come puoi osservare da quest’altra fotografia di repertorio – scattata nella mia officina dopo aver smontato completamente il ventilatore ricevuto (quello di destra nell’immagine precedente) – il motore elettrico ha un albero molto più lungo di quelli normalmente disponibili in commercio.

Si tratta infatti di un motore speciale, costruito appositamente per questo tipo di ventole per forni industriali.

Quindi, oltre a costarti molto di più di uno modello standard di pari potenza, ti obbliga ad essere schiavo di un solo fornitore e dover aspettare i suoi lunghi tempi di consegna.

Le soluzioni sono due.

La prima è riempire il magazzino di questi motori.

In alternativa, in caso di guasto, ti tocca stare con il forno fermo – SENZA poter fatturare – per 2-3 settimane come minimo.

Un vero e proprio spreco di tempo e di denaro vero?

Eppure basterebbe poco per raddoppiare il tempo di funzionamento senza guasti dei tuoi ventilatori per alte temperature.

In che modo?

Seguimi e te lo mostro immediatamente.

Ecco come grazie all’aggiunta di un semplice albero intermedio, sono riuscito a sconfiggere i continui guasti alle ventole per forni industriali di Antonio, raddoppiando l’affidabilità dei suoi impianti, SENZA dover sostituire tutti i ventilatori.

Dopo aver smontato ed analizzato i due ventilatori ricevuti dalla ProfiliLucenti, mi trovavo davanti ad un bivio.

La strada più semplice e veloce per me, era quella di convincere Antonio a sostituire tutte le ventole installate nei suoi forni con altrettante di mia produzione.

Stiamo parlando di un costo per il mio cliente dell’ordine dei 9.500 € per ogni ventilatore. In tutto le due linee di trattamento termico avevano 20 ventole per forni industriali installate.

Sicuramente un ordine che fa gola a qualsiasi costruttore.

La strada più corretta e conveniente per il mio cliente era invece diversa.

Con qualche modifica di tipo costruttivo, potevo trasformare quei ventilatori in vere e proprie ventole per forni industriali, capaci di funzionare SENZA problemi alle temperature di esercizio dei due impianti.

Quale ho scelto?

La risposta la trovi in questo video, che ho registrato qualche settimana fa, quando finalmente il problema di Antonio è stato risolto una volta per tutte.

Esatto, alla fine ho scelto la seconda strada.

Non mi fraintendere. NON è falsa compassione la mia.

Semplicemente se sceglievo la prima opzione, Antonio non sarebbe mai riuscito a convincere la direzione di sostenere un investimento simile.

Cosa avrei risolto quindi?

Nulla.

Grazie invece alla modifica che ho realizzato su quel primo ventilatore, la ProfilatiLucenti ha avuto la possibilità – anno dopo anno – di ridurre drasticamente i fermi di produzione.

Il caso studio del cliente di cui parlo nel video, parla chiaro:

Tempo senza guasti RADDOPPIATO = Costi per fermi DIMEZZATI.

Aggiungi poi che dopo due anni funzionamento, NON devi cambiare completamente il motore elettrico.

Anzi spesso è ancora in forma per lavorare altri due anni di fila.

ventole per forni industriali dopo interventoArrivato a questo punto magari ti starai domandando:

Se quello che stai dicendo è vero, perché mai quelle ventole per forni industriali sono state costruite così?

Se veramente questa domanda ti è balenata nella mente, in fondo mi hai reso felice.

È bello vedere che la speranza di un trionfo dell’onestà e della professionalità sia ancora viva.

Purtroppo per te però, NON viviamo nel mondo delle favole.

E il lieto fine è spesso un traguardo da raggiungere attraversando ostacoli e difficoltà che nemmeno un percorso di allenamento dei marines potrebbe eguagliare.

Rispondo comunque alla tua obiezione.

Il motivo è solo uno. L’unica cosa che interessa a certi costruttori di ventole per forni industriali, è essere i più economici per racimolare quanti più ordini possibili.

Non è un segreto, un prezzo basso fa sempre gola a tutti. (anche a me NON piace sperperare soldi)

Molto spesso però, questa ossessione per il risparmio la paghi a caro prezzo.

Come puoi difenderti da questi avidi costruttori di ventole per forni industriali, schivando tutte le sole che cercano di rifilarti ed essendo sicuro di acquistare – al migliore prezzo – il ventilatore perfetto per il tuo impianto di trattamento termico?

Ti avviso, riuscire in questa impresa non è così semplice.

Se sei chi progetta questi impianti o chi li deve utilizzare, NON è per te semplice leggere tra le righe di un preventivo quali fregature ti stai portando in casa.

Non mi fraintendere. Non sto mettendo in dubbio la tua preparazione o le tue capacità.

Il problema è che NON puoi conoscere certi piccoli segreti noti solo a chi costruisce le ventole per forni industriali.

Ecco perché ho scritto il libro “Forni da INCUBO: Evita di bruciare la tua reputazione a causa di questi 5 trucchi sleali utilizzati da chi vende i ventilatori per alte temperature per forni industriali”.

ventole per forni industriali libro Forni da INCUBOAll’interno di questo testo – scritto in un linguaggio per non addetti ai lavori – ho condensato quello che ho imparato in oltre 12 anni di esperienza come progettista di ventilatori industriali.

Grazie alle indicazioni ed ai consigli che troverai tra le pagine del libro, riuscirai a proteggerti da quelli che ho visto essere i 5 trucchi sleali più diffusi che molti costruttori di ventilatori per alte temperature utilizzano. (compresi quelli più blasonati della tanto “onesta” Germania)

Tramite racconti di casi reali, questo libro ti aiuterà ad obbligare il tuo fornitore di ventilatori a rispettare le tue richieste ed assumersi tutte le responsabilità che gli spettano, SENZA che tu debba diventare matto nel cercare di capire quale fregatura si nasconde dietro ogni singola frase del preventivo.

Insomma, si tratta di una versione chiara e comprensibile di una vera e propria specifica di acquisto, per aiutarti ad acquistare al miglior prezzo, la GIUSTA ventola per i tuoi forni industriali.

Puoi acquistare il libro cliccando qui. (si, devi cliccare col mouse sopra la parola “qui” 🙂 )

Ed evitare così di finire nel peggiore incubo per chi installa – o deve utilizzare – dei ventilatori ad alta temperatura nei forni industriali.

Mentre aspetti che Amazon ti consegni la tua copia del libro Forni da INCUBO, puoi iniziare a scoprire come selezionare – dal punto di vista delle prestazioni e dei materiali utilizzati – il giusto ventilatore centrifugo per il tuo impianto.

Sia che lo scopo del ventilatore sia di muovere gas caldi in un forno, o di spingere aria o altri gas in qualsiasi parte dell’impianto, le regole di base per la scelta della migliore ventola restano sempre le stesse.

Le ho riassunte in questa breve guida GRATUITA, che puoi ricevere comodamente nella tua casella email compilando il modulo che trovi qua sotto:

Ed in pochi minuti riceverai la tua copia della “Guida rapida alla scelta definitiva del tuo ventilatore industriale”.

Grazie a questa guida completa scoprirai come scegliere il ventilatore più idoneo a funzionare nel tuo impianto per almeno 15 anni, SENZA rischiare spiacevoli sorprese e rotture quando lo installi.

Una vera manna dal cielo per chi NON è abituato a svolgere questo tipo di attività tutti i giorni, ma si trova costretto per diversi motivi a doversene prendere carico.

Ora perdonami ma ti devo lasciare.
ventole per forni industriali 11 anni di lavoro e non sentirli
Quel famoso ventilatore da cui è iniziata la storia di Antonio e della ProfiliLucenti, è da poco rientrato in azienda per la manutenzione periodica e voglio andare a congratularmi per il suo inesauribile senso del dovere.

Dal 2006 ad oggi, nessuna rottura della girante o del motore, come accadeva prima alle altre ventole per forni industriali.

Una veloce equilibratura alla girante, una coppia nuova di cuscinetti ed in meno di 2-3 giorni il ventilatore è pronto per tornare a riscaldare tonnellate di alluminio in un forno.

“Mai più guasti improvvisi!”

Il Signore delle Ventole.