Portata di un ventilatore centrifugo installato. Gli unici 2 modi corretti per ricavarla + tutte le soluzioni improvvisate che devi evitare. Episodio #10 del podcast GIRAMENTI DI PALE

di | Maggio 3, 2018

Giramenti di pale episodio 10 Portata di un ventilatore centrifugo installato.Ciao e benvenuto alla decima puntata del podcast “GIRAMENTI DI PALE”!

Siamo arrivati al decimo compleanno per questo piccolo esperimento che sto portando avanti da qualche tempo.

Sono veramente contento, mi piace vedere che sto ricevendo molte domande (mi raccomando lasciami anche la tua) e non riesco più quasi a starci dietro.

Quindi ci saranno tanti altri episodi, e spero di arrivare a festeggiare un giorno la centesima puntata.

Oggi rispondo alla domanda di Antonio che mi chiede:

Signore delle Ventole, ma se io ho un ventilatore installato nell’impianto, posso ricavare la portata che sta dando in base alla potenza che leggo sulla targa del motore?

Domanda molto interessante, perché in realtà si potrebbe approfondire e scoprire tutto il sottobosco che si cela dietro questo dubbio.

Antonio purtroppo non mi ha dato altre informazioni quindi non so per quale motivo ha bisogno di conoscere la portata, a ogni modo posso capire qual è il problema che sta vivendo.

Portata di un ventilatore centrifugo. Un dato basilare ma che spesso sembra essere coperto dal segreto di stato.

Purtroppo si tratta di un vizio a mio avviso fin troppo diffuso.

Molti costruttori di ventilatori spesso non dichiarano nessun parametro, nessun dato tecnico di funzionamento.

Nè nell’offerta né soprattutto nei documenti che consegnano insieme al ventilatore, nel manuale del ventilatore stesso.

Alcuni ahimè non mettono nemmeno una targa con un minimo di dati sopra il ventilatore.

Posso immaginare che Antonio debba cambiare il ventilatore (perché vecchio?), oppure deve ampliare l’impianto.

Perché non puoi calcolare la portata di un ventilatore centrifugo basandoti solo sulla potenza nominale del motore elettrico?

Mi spiace per Antonio, ma purtroppo dalla potenza installata del motore non si può ricavare nessun dato del ventilatore.

Per quale motivo?

La potenza assorbita dal ventilatore è molto spesso diversa da quella del motore installato.

Anzi se fossero uguali sarebbe un problema, perché il motore sarebbe proprio impiccato.

Quindi da quella del motore non puoi ricavare niente.

Se però sei uno smanettone con le apparecchiature elettriche, potresti anche pensare di aver trovato la soluzione.

Che ci vuole, prendo due pinze amperometriche e vado a fare delle misure

Se hai pensato a questa strada, in parte hai ragione.

In questo modo misuri la potenza assorbita dal ventilatore durante il funzionamento.

È già un passo avanti. Ma anche in questo caso ti mancano delle informazioni per poter risalire alla portata.

Non ti basta il valore di potenza assorbita per calcolare la portata di un ventilatore centrifugo.

Non so se hai già letto l’articolo che ho scritto sul calcolo della potenza di un ventilatore, all’interno del quale racconto proprio quali sono i parametri che legano le condizioni di funzionamento e la potenza assorbita.

In particolare nell’articolo trovi la formula seguente per il calcolo della potenza di un ventilatore. (che quindi puoi usare al contrario per ricavare la portata)

Portata di un ventilatore centrifugo Calcolo potenza ventilatore centrifugo formula

Ora come puoi vedere chiaramente da questa formula, anche se conosci la potenza assorbita per calcolare la portata ti mancano due informazioni: la pressione statica e il rendimento statico.

In alternativa potresti magari trovare da qualche parte su internet e scaricare il catalogo e le curve di quel ventilatore.

Conoscendo la potenza assorbita in teoria potresti già avere un’idea della portata del ventilatore centrifugo.

Ma anche in questo caso mi spiace darti una brutta notizia.

Ecco cosa ti vieta di ricavare la portata di un ventilatore centrifugo semplicemente guardando le sue curve caratteristiche.

Il problema è che le curve – soprattutto se le hai scaricate da internet – sono tutte tracciate ad una densità di 1,22 kg/m³, che è molto diversa da quella nella quale sta lavorando il tuo ventilatore centrifugo.

Ho scritto un articolo in cui parlo proprio del calcolo della densità di un ventilatore. Ti consiglio di andare a leggerlo.

Quindi se vuoi ricavare la portata di un ventilatore centrifugo utilizzando le sue curve caratteristiche, devi per forza di cose conoscere la densità del gas aspirato.

Solo in questo modo puoi convertire il valore della potenza che hai misurato, e successivamente andare a leggere sulla curva la portata che il ventilatore sta fornendo.

NON si scappa. C’è sempre un pezzo che manca.

È normale. Per definire un ventilatore servono almeno tre variabili: la portata, la pressione e la densità.

Quindi come risolvere questi problemi e riuscire a calcolare la portata del ventilatore?

Ecco gli unici due modi possibili per conoscere la portata di un ventilatore centrifugo di cui si sono perse tutte le carte del vecchio progetto.

Se anche tu ti ritrovi nella situazione di Antonio, leggi attentamente le prossime righe.

Ti svelerò le uniche due soluzioni al tuo problema.

Partiamo con la prima.

La strada più ovvia e banale per conoscere i dati di portata e pressione di un ventilatore.

Vale sempre la pena fare questo tentativo.

Qualcuno avrà costruito quel ventilatore.

Contatta il fornitore e chiedi:

Per questo ventilatore ho bisogno di sapere per quali valori di portata e pressione è stato venduto.

Magari sei fortunato e risolvi tutto con una telefonata e qualche email.

Ma potresti anche trovare un fornitore che non te li vuole dare perché per lui è solo “una perdita di tempo, perché sono cose già fatte vecchie e vendute.

Un bel “Ma chi se ne frega” non sarebbe strana come risposta.

Potrebbe anche essere che il fornitore non ci sia più o peggio ancora non riesci a sapere chi sia perché manca la targa dati con suo nome. (e qua i problemi sono decisamente peggiori)

Ma facciamo finta che è una targa sia ok, quindi puoi risalire a chi è il costruttore.

È molto facile che ti scontri con un ostacolo molto frequente.

La portata di un ventilatore centrifugo di quelli standard – che si comprano a catalogo – la conosce solo chi l’ha acquistato.

Quindi dovresti andare a vedere se non l’hai fatto tu (ma immagino di no, altrimenti sapresti per quale portata l’hai comprato) chi ha installato il ventilatore per quali dati di portata e pressione l’ha acquistato.

Il fornitore non sa minimamente perché i valori di portata, pressione, densità, temperatura, queste informazioni a lui non interessano.

Lui ti vende la roba che ha lì pronto sullo scaffale del magazzino e chi si è visto si è visto. Sono affari tuoi sapere se quello che stai comprando.

I ventilatori a catalogo si comprano un po’ come si fa con la passata di pomodoro al supermercato: tu decidi quello che ti serve e lo compri.

Insomma, ci sono molte probabilità che non riuscirai ad ottenere le informazioni che ti servono.

Tranquillo, non ti scoraggiare. Esiste infatti una seconda soluzione, quella più diciamo “risolutiva”.

Misura la portata di un ventilatore centrifugo direttamente sull’impianto mentre è in funzione.

Forse non lo sai, ma esiste un modo di conoscere i dati di funzionamento reali di un ventilatore.

Con delle “prove di prestazioni” o “misure di prestazioni” – così si chiamano in gergo da ventilatoristi – in poche ore è possibile scoprire tutti i dati più importanti come la portata, la pressione e la densità.

Esistono norme e standard che li regolano. In particolare la AMCA 203 spiega come fare questo tipo di misure direttamente in impianto.

Ultimamente questa è un’attività che molti clienti mi stanno chiedendo.

Forse perché – dopo anni di crisi e di investimenti bloccati – finalmente si sta iniziando a cambiare un po’ tutte le macchine vecchie installate.

Aggiungi che nel frattempo magari qualche costruttore è sparito oppure si sono perse le carte di progetto di un tempo, quindi come detto prima diventa molto difficile risalire ai dati di portata e pressione dei ventilatori. (come forse è il caso di Antonio)

Il vantaggio di eseguire queste misure di prestazioni, è che ottieni i valori veri, REALI – non quelli teorici – ai quali il ventilatore e l’impianto stanno lavorando.

Questa è un’attività, come ti dicevo, che faccio abbastanza spesso e frequentemente si tratta di un lavoro di un paio d’ore per un ventilatore, non disturba minimante quello che è il funzionamento dell’impianto.

Sostanzialmente basta fare due forellini sulla tubazione per inserire gli strumenti di misura e leggere i dati di pressione statica, pressione dinamica – dalla quale si ricava la portata del ventilatore – e di temperatura mentre l’impianto funziona normalmente.

Tutto qua.

Terminata questa prima fase di misura, nel giro di qualche giorno invio ai miei clienti una relazione dove indico il valore di portata del ventilatore, il salto di pressione e la densità calcolati nelle condizioni reali.

Grazie a queste informazioni puoi fare tutto quello che vuoi sull’impianto.

Se devi solo sostituire il ventilatore, ti asta comprarne uno che dà le stesse prestazioni.

Nel caso in cui invece devi aumentare la produttività dell’impianto, puoi partire da questi dati per sapere di quanto devi incrementare la portata di un nuovo ventilatore centrifugo.

In che modo puoi eseguire una prova di prestazioni ed essere così certo della portata e della pressione dei ventilatori industriali nei tuoi impianti?

Tutto molto semplice.

Vai alla pagina “Contattami” oppure clicca sul pulsante che trovi qua sotto, che ti apre proprio questa pagina.

Calcolo portata di un ventilatore centrifugo contattami ora

Nel modulo che ti appare lasciami i tuoi dati di contatto e scrivi brevemente nel corpo del messaggio quello di cui hai bisogno.

Sarò io a contattarti per vedere come risolvere questo tuo problema.

Quello che ASSOLUTAMENTE non devi fare.

È importante che non ti lanci in cose improvvisate.

Se vuoi ottenere veramente la portata del ventilatore centrifugo, non fare calcoli strani sulla base della potenza installata al motore.

Come già detto, da questo numero veramente non ricavi niente.

Non cercare neanche di guardare ventilatori con delle curve simili, con lo stesso diametro o la stessa velocità di funzionamento.

Due ventilatori identici, possono dare valori di portata molto diversi a seconda dell’impianto nel quale sono installati.

Quindi cerca di fare le cose per bene.

Contatta un tecnico esperto che sia in grado di eseguire delle prove di prestazioni sui ventilatori industriali, in accordo alle norme o agli standard esistenti.

Io posso aiutarti nel conoscere la portata di un qualsiasi ventilatore centrifugo. Ti basta lasciarmi i tuoi dati nella pagina “Contattami” che ti appare cliccando su questo pulsante.

Calcolo portata di un ventilatore centrifugo contattami ora

Festeggiamo questo primo traguardo. Oggi ti faccio io una domanda.

Per festeggiare la decima puntata di questo podcast, voglio provare a stare dall’altra parte della “barricata” in questo gioco di domande e risposte.

Quindi ti faccio una domanda semplice, alla quale puoi rispondere direttamente qua sotto nei commenti. (oppure se sei timido e vuoi restare in incognito, inviami una email)

Qual è l’applicazione più strana nella quale ti è capitato di dover installare dei ventilatori?

Sono curioso di natura, e la cosa più bella del mio lavoro è poter andare in giro per impianti e vedere come vengono fatte le cose.

Soprattutto mi diverto a scoprire ogni volta una nuova applicazione dei miei ventilatori industriali.

E magari proprio tu che stai leggendo, conosci un’applicazione strana e particolare che a me non è mai capitata.

Il mondo dei ventilatori ha bisogno del tuo aiuto.

I WANT YOU! Fammi una domanda per il podcast Giramenti di Pale
Voglio aiutare chi tutti i giorni deve progettare impianti industriali nei quali vanno inseriti dei ventilatori.

 

Il mio obiettivo è evitare loro gli errori più comuni e banali, in grado però di compromettere del tutto i risultati dei loro progetti.

Quindi se tu sei uno di questi, voglio proporti uno scambio alla pari.

 

Qualsiasi sia il dubbio, la domanda o una cosa poco chiara che ti frulla in testa in merito ai ventilatori industriali, scrivimela nel modulo che ti appare cliccando sul pulsante qua sotto.

Userò la tua domanda per creare una nuova puntata del podcast ed in questo modo aiuterai altri tuoi colleghi a scegliere sempre e solo i migliori ventilatori per il proprio impianto.

 

Se invece vuoi semplicemente commentare questa nuova iniziativa (non essere troppo severo, mi raccomando 😉 ) non esitare: lasciami un commento in basso e aiutarmi a divulgare questo piccolo contributo che sto cercando di dare per illuminare il mondo dei ventilatori distribuendo quante più informazioni disponibili.

 

Ci vediamo fra una settimana.

 

Mai più guasti improvvisi!

 

Il Signore delle Ventole

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.